UN SOGNO

Mi trovo in un’aula e aspetto il verdetto. Siamo in molti, c’è anche una persona che conosco benissimo. Appare un tizio che spiega come gli scritti abbiano tutti risposto bene ai parametri richiesti, tranne due. Poi fa il nome dei due che non ce l’hanno fatta, il secondo nome è il mio, e quando lo sento capisco d’improvviso che il primo è  non altro che l’anagramma del mio nome. A questo punto, fa il tizio, siamo costretti a scegliere. Ci viene assegnato un nuovo compito, dobbiamo scrivere un saggio sul regista cileno Raul Ruiz. Mi metto a pensare e butto giù qualcosa, con l’ombra del mio anagramma che mi lavora accanto. Scrivendo mi si chiarisce nella mente in un lampo tutto il saggio per intero, e allora perdo interesse, mi annoio, decido di alzarmi per andare in bagno. Mentre piscio, mi sveglio.

Advertisements

Tag: ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: