GUIDO BERTOLASO, PROTEZIONE CIVILE Spa: ovvero IL PROGETTO AUTORITARIO DI SILVIO BERLUSCONI (1)

Non condivido quasi mai tempi e modalità politiche e, soprattutto, culturali (anzi: e quindi culturali) dell’area di riferimento del quotidiano “La Repubblica”, ma questo editoriale di E. Scalfari mi pare fondamentale. Lo pubblico in tre puntate, per riflettere bene su ogni passaggio. Prima che sia troppo tardi.

(1)

La prima parola che viene in mente è bordello, nel senso letterale e metaforico del termine già usato da Dante nella celebre apostrofe “Non donna di province ma bordello”, cui si potrebbe aggiungere l’altro verso della stessa terzina: “Nave senza nocchiero in gran tempesta”. Il padre della nostra letteratura, cioè della nostra storia, aveva scolpito ottocento anni fa uno dei connotati permanenti della nostra società, per fortuna non il solo, ma purtroppo quello più ricorrente.

Non c’è ritratto più adatto per descrivere l’impressione suscitata dall’ennesimo scandalo del nostro scandaloso presente, quello che si intitola alla Protezione civile, al suo capo, Guido Bertolaso e al suo massimo ispiratore e primo fruitore, il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi.

La popolarità di Berlusconi e il consenso che ancora compattamente lo sostiene poggia infatti su tre pilastri: la lotta indiscriminata e sapientemente alimentata contro gli immigrati, la celere raccolta dei rifiuti a Napoli, la tendopoli e le casette rapidamente allestite a L’Aquila dopo il terremoto. Gli ultimi due debbono il loro successo a Guido Bertolaso e questo spiega la difesa che Berlusconi ha assunto personalmente del suo capocantiere, detto anche “il protettore” in quanto capo della Protezione.

L’uomo del fare ha trovato due anni fa un altro uomo del fare e l’innamoramento è stato immediato e reciproco. Saper fare e voler fare sono requisiti positivi se il fare viene esercitato all’interno di limiti precisi, di regole chiare, di controlli rigorosi.

Più aumenta il potere degli uomini del fare e più dovrebbero aumentare i controlli, le regole, i limiti. Ma se i controlli vengono smantellati, allora il potere del fare diventa un requisito negativo e questa è appunto la situazione che due anni di dittatura del cosiddetto fare ha creato.
Lo scandalo della Protezione civile è dunque intimamente connesso al berlusconismo e alla sua visione della cosa pubblica. Alla sua concezione costituzionale. Da anni il premier si batte per instaurare un assetto autoritario, dove l’accrescimento dei poteri presidenziali sia accompagnato dall’indebolimento dei controlli e dei poteri di garanzia. Dove il potere legislativo sia confiscato da quello esecutivo, dove il disegno di legge sia sostituito dal decreto legge e il decreto dall’ordinanza. E dove infine l’ordinanza sia “esternalizzata” e affidata non più ad un dipartimento collocato all’interno della Pubblica amministrazione, ma ad una società per azioni di carattere pubblico in veste privatistica, che ha come unico referente il capo del governo, con tutto ciò che inevitabilmente ne consegue e che lo scandalo Bertolaso-Protezione civile ha portato ora sotto gli occhi di tutti i cittadini. Per fortuna lo scandalo è scoppiato prima dell’entrata in vigore della legge sulle intercettazioni che se sarà approvata così come il governo la vuole, metterà il bavaglio alla stampa (a quel che resta della libera stampa). Con quella legge vigente l’opinione pubblica non avrebbe saputo nulla di ciò che è accaduto, nulla dell’istruttoria in corso, nulla delle risate degli appaltatori allo scoppio del terremoto, nulla del raddoppio dei prezzi in corso d’opera, nulla degli intrecci familiari e amicali, nulla dei “benefit” percepiti dagli appaltanti, nulla dei conti segreti.

L’opinione pubblica sarebbe stata tagliata fuori dalla delicatissima fase dell’istruttoria e così lo sarà nel prossimo futuro se quella legge sarà approvata. E questo sarà il quarto pilastro per completare il disegno dello Stato autoritario. Il quinto pilastro è e sempre più sarà lo scudo immunitario per gli uomini del fare e per quelli dell’obbedire.

Tagliar fuori l’opinione pubblica e tagliar fuori la giurisdizione: questo è l’obiettivo. Lo scandalo della Protezione civile è salutare perché mette allo scoperto la giuntura principale di questo disegno mentre ancora la pubblica opinione e la giurisdizione sono in grado di conoscere e di giudicare. Dopo sarà troppo tardi.

Annunci

Tag: , , , , , , , ,

Una Risposta to “GUIDO BERTOLASO, PROTEZIONE CIVILE Spa: ovvero IL PROGETTO AUTORITARIO DI SILVIO BERLUSCONI (1)”

  1. GUIDO BERTOLASO, PROTEZIONE CIVILE Spa: ovvero IL PROGETTO AUTORITARIO DI SILVIO BERLUSCONI (1) | Politica Italiana Says:

    […] via https://loresp.wordpress.com/2010/02/14/guido-bertolaso-protezione-civile-spa-ovvero-il-progetto-auto… Posted by admin on febbraio 15th, 2010 Tags: News, Politica Share | […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: