MARIO MONICELLI: LA DIGNITA’

Forse del cinema italiano sono possibili solo le controstorie (e d’altra parte in Italia siamo continuamente costretti alla contro-informazione). La polemica Tarantino-Monicelli ha detto solo questo: che il primo ha ovviamente e quasi lapalissianamente ragione (il cinema italiano non esiste), ma che chiunque voglia scrivere dell’immagine nazionale, non può non partire dagli ultimi lavori del secondo, Le rose del deserto e Vicino al Colosseo c’è Monti, ossia rispettivamente da un film che di per sé, con quella cadenza densa e ritmata sull’attenzione e sulla durata, sembra parlare una lingua sconosciuta, talmente semplice da risultare dimenticata (in ogni caso irriducibile alle pose del cosiddetto orripilante sistema-cinema italiano, quello che distrugge festival di ricerca in nome dell’anima del commercio e dell’italietta dei red carpets e delle raccomandazioni della film commission di turno); e da un’incursione inattesa e digitale e quasi amatoriale, di libertà e inventiva assolute. Ciao Mario.

About these ads

Tag: , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: